Ordina entro il 18/12 per riceverlo entro Natale

La breve storia di Blacky nel calcio

07/09/2021

Nessuna maglia ha incarnato lo spirito del tempo, 25 anni fa, così come quelle di Blacky. L'azienda tessile svizzera lo ha reso colorato, non solo sulle maglie.

Gli anni '90 sono stati il ​​periodo delle vistose maglie da calcio. Colori vivaci, strani motivi: tutto era permesso. All'epoca, anche l'azienda «Blacky», fondata a Münchwilen TG nel 1984, era coinvolta nel grande business del calcio.

Era il tempo dei cerchietti giallo acceso e dei pantaloni larghi con motivi etnici. E Blacky ha portato questi colori e design della fine degli anni '80 e dei primi anni '90 nelle palestre e nei campi da calcio in Svizzera. Il violetto neon non era più solo una stravaganza per una serata in discoteca o un privilegio per le star di "Miami Vice". Centinaia di calciatori dilettanti in tutto il paese si sono infilati nelle funky magliette svizzere la domenica mattina e avrebbero potuto facilmente essere scambiati per un gruppo di ballo.



Quello di cui sorridiamo oggi era innovativo allora. "I modelli erano un po' discutibili", afferma Jörg Stiel. L'allora portiere della NLA dell'FC Wettingen è ora attivo nel settore degli articoli sportivi. All'epoca, non era particolarmente affezionato al suo maglione rosa da portiere di Blacky. Ma dal punto di vista di oggi, il marchio era un passo avanti. «Blacky era fantastico in termini di colore. Avevano qualcosa di quasi futuristico".

Il visionario dietro questo progetto si chiamava Bruno C. Schwarz.
Un forte marchio di nicchia nato nel 1984 Blacky Modedesign a Wil. Un cavallo rampante nel logo. Schwarz ha creato la prima collezione per il ciclismo. I tessuti colorati con una buona qualità svizzera hanno trovato successo nelle vendite. Secondo il quotidiano «Cash», Schwarz ha realizzato un fatturato di 32 milioni di franchi nel 1991, appena sette anni dopo la sua fondazione. Ciò ha reso Blacky un forte marchio di nicchia, un'alternativa agli allora leader di mercato Adidas e Puma, anche se ancora molto distante da loro.

La rapida ascesa è stata possibile non solo grazie al ciclismo.. L'azienda iniziò a produrre attrezzature per tennis, calcio, hockey su ghiaccio, e molti altri sport di squadra. Schwarz ha utilizzato un processo che aveva imparato a conoscere dalla produzione di abbigliamento da bicicletta: la stampa termica. In passato era comune applicare o ricamare le maglie da calcio. Ciò significava che ogni elemento veniva applicato al tessuto in passaggi separati. Erano  necessarie tre fasi di lavoro per lo sponsor, il logo del club e il marchio del produttore. Non così con la stampa termica. Disegnando l'intero disegno su carta e stampando direttamente sul tessuto.

La prima collaborazione di Blacky nel calcio con l'FC Wettingen.  "In termini di design, Adidas non riusciva a tenere il passo" dei prodotti rivoluzionari dell'epoca  afferma Strasser, all'epoca direttore sportivo della società.

( FC Wettingen 1992-93 )

La massima grande visibilità fu raggiunta con la partita dell'anno per il calcio svizzero. In Coppa Uefa, l'SSC Napoli e il suo fuoriclasse mondiale Diego Armando Maradona sono stati ospiti del piccolo club del Mitteland. Tutti i fari erano puntati su di loro, o meglio: sul dio vivente del calcio, l'allora irraggiungibile Maradona, campione del mondo 1986, campione di Serie A 1987 e campione in carica della Coppa Uefa. La partita è stata la migliore pubblicità per Blacky sulla scena nazionale e internazionale.


( Maradona Wettingen vs Napoli sedicesimi di finale Coppa Uefa 1989-90 )

L'azienda ha poi raggiunto lo status di cult con le sue maglie della squadra nazionale svizzera dal 1990/91. Uli Stielike, allora allenatore della nazionale elvetica, era anche l'agente generale della società Blacky e ciò aveva creato non pochi problemi.  A quel tempo, la Svizzera era equipaggiata da Adidas. Quest'ultima non voleva che Stielike apparisse per la squadra nazionale con il marchio Blacky, e Blacky non voleva vedere il proprio agente con il marchi della concorrente.Dopo alcune calde settimane nell'estate del 1989, il compromesso arrivò: Stielike  in nazionale né con Blacky né con Adidas, ma piuttosto neutrale senza marchi sulla fornitura tecnica. Ma la situazione cambiò ancora a fine stagione quando il produttore tedesco rescisse il contratto per circa 400.000 franchi annui senza preavviso. Il cavallo Blacky era ora il fornitore ufficiale.
Solo un giorno dopo dalla firma del contratto, Blacky ha presentato all'associazione calcio svizzera la bozza per la nuova attrezzatura. Pochissimi l'hanno dimenticata. La grande croce svizzera sullo stomaco e tante, tante strisce, trasversali e diagonali.


( La maglia Svizzera 1990-91 )

Un'ascesa durata troppo poco. Dopo soli due anni, infatti, Blacky è stata nuovamente sostituita come fornitore della nazionale nel maggio 1992. Il produttore italiano di articoli sportivi Lotto ha offerto all'associazione 650.000 franchi all'anno invece di 400.000. 

Un anno dopo ancora, l'azienda è dichiarata fallita a causa di investimenti sbagliati da parte del proprietario Bruno Schwarz

Tratto da www.zwoelf.ch/die-blacky-story